Laboratorio di salute vitale

Problemi venosi

È comune sentire il termine "gambe pesanti". Ciò che è meno noto è che questo è solo uno dei molti sintomi di ciò che è noto come insufficienza venosa cronica, altri sintomi che si incontrano frequentemente sono dolore, calore, edema, crampi, bruciore, prurito, disturbi della pelle. L'insufficienza venosa cronica è una malattia comune, non così benigna come siamo abituati a pensare.

 

In Francia, circa 20 milioni di persone ne soffrono. Naturalmente, gli stadi di questa malattia possono essere molto diversi. Alcune fasi possono portare a un deterioramento della qualità della vita. L'insufficienza venosa cronica ha anche un impatto economico stimato tra l'1 e il 3% del bilancio sanitario nei paesi industrializzati.

Fattori di rischio

L'età, naturalmente, a causa della crescente debolezza delle pareti venose, ma anche a causa della durata dell'esposizione ad altri fattori di rischio.

 

Ancheuna storia familiare di insufficienza venosa cronica dovrebbe essere considerata:

Fattori di rischio per l'insufficienza venosa

Si dovrebbe evitare distare in piedi a lungo , specialmente sul posto di lavoro, o di stare seduti con le gambe penzoloni per diverse ore.

 

Obesità, gravidanza, disturbi ormonali sono tutti fattori di rischio per la malattia venosa cronica. Gli sport a basso impatto come la camminata, il ciclismo, il nuoto e la ginnastica dovrebbero essere preferiti agli sport ad alto impatto o al salto.

 

L'esposizione prolungata al calore, come stare in piedi su una spiaggia senza raffreddare le gambe, visitare regolarmente saune o stanze di vapore, o fare regolarmente bagni caldi sono tutte situazioni che dovrebbero essere evitate.

Anche lefemmine sembrano essere più a rischio, probabilmente a causa di fattori ormonali.

Fisiopatologia

Anatomia

Il 90% del ritorno venoso degli arti inferiori è fatto dalle vene profonde, satelliti delle ossa.

Il 10% è attraverso la rete superficiale (vene safene e loro rami).

Esistono sistemi di comunicazione tra queste due reti (vene perforanti, vene safene, vene comunicanti). Queste vene contengono delle valvole, un sistema di valvole antigravitazionali che impediscono al sangue di rifluire verso il basso nonostante il suo peso.

Ruolo delle vene

Negli arti inferiori, i tessuti (ossa, muscoli, tendini, pelle, ecc.) richiedono ossigeno dal cuore e dai polmoni attraverso le arterie. Una volta utilizzato da questi diversi organi e strutture, il sangue viene privato dell'ossigeno e deve tornare al cuore e ai polmoni per recuperarlo nuovamente. Questo è il ruolo del sistema venoso.

Fisiopatologia

Come in tutto il sistema circolatorio, c'è una certa pressione nelle vene. Da fermi, questa pressione è di 80 mmHg alla caviglia. Quando si cammina, è di circa 30 mmHg. Questo evidenzia l'impatto significativo dell'attività fisica sul sistema venoso.

 

 

Sono identificate quattro pompe di ritorno:

- La suola venosa plantare di Lejars sotto il piede si contrae ad ogni passo sul terreno.

- Contraendo i muscoli del polpaccio, si aumenta il ritorno venoso.

- La contrazione del diaframma durante i movimenti respiratori.

- La "pompa" del cuore che, per la sua funzione, attira il sangue venoso verso di sé.

 

Tutti gli studi concordano nello spiegare la sintomatologia dell'insufficienza venosa cronica come risultato di un'iperpressione venosa prolungata, che è a sua volta responsabile di un'infiammazione cronica che sviluppa un'alterazione della microcircolazione e, nella fase finale, di disturbi trofici (sofferenza cutanea). Questa alterazione della microcircolazione spiega in particolare il ruolo di VEINAVITAL nella gestione della malattia venosa cronica;

 

 

Ci sono tre possibili cause di questa sovrapressione:

- Malattia varicosa (vene varicose e microangiopatia)

- Sindrome post-trombotica

- Insufficienza venosa funzionale

Eziologia

Malattia delle vene varicose

Secondo l'OMS, la definizione di una vena varicosa è una vena con un diametro superiore a 3 millimetri in posizione eretta (procubito), con un corso spesso (ma non sempre) tortuoso che non permette un corretto ritorno del sangue al cuore (nozione di reflusso in eco-Doppler)

Per essere trattate, le vene varicose devono prima essere classificate secondo le classificazioni esistenti. La più comune è la classificazione CEAP

 

Vengono utilizzati diversi criteri:

- Clinica (esame clinico, territorio, aspetto del diametro)

- Eziologico(essenziale o secondario, nozione di fattori di rischio)

- Anatomico (territorio, vena profonda o superficiale, ecc.) 

- Fisiopatologico (malformazione congenita, sindrome post-trombotica...)

 

Queste vene varicose devono essere distinte da :

- Telangiectasie o varicosità che sono piccole vene bluastre o viola in una rete, meno di un millimetro di diametro, senza consonanza patologica

- Vene reticolari che sono piccole vene in una rete sottocutanea da 1 a 3 mm di diametro, di nuovo senza impatto patologico.

 

Non tutte le vene visibili sono necessariamente varicose (sportivi, persone magre, lipodistrofia legata a certi trattamenti).

Sindrome post-trombotica

Questo si traduce nei classici sintomi dell'insufficienza venosa cronica che spesso seguono, in modo ritardato, una trombosi (flebite) dovuta alla distruzione della struttura interna delle vene (valvole) da parte del coagulo iniziale (trombo) o da una persistente ostruzione parziale o totale (sequelae thrombus)

Insufficienza venosa funzionale

Questa situazione è un po' paradossale perché si verifica in soggetti che hanno vene sane ma che non sono stimolati (deficit dei muscoli del polpaccio, arco del piede crollato o cavo, anomalia della funzione della caviglia o del ginocchio che impedisce la normale deambulazione, disfunzione della contrazione cardio-respiratoria.

Cause rare

Una compressione venosa può ostacolare il ritorno del sangue dalle gambe al cuore (tumori, gangli, sindrome di Cockett, ecc.).

Impatti clinici dell'insufficienza venosa cronica

1a fase

La prima cosa da sapere è che sono numerosi e non specifici; i pazienti spesso descrivono pesantezza, più raramente dolore. Di solito vengono descritti anche crampi e prurito. Questi segni sono più probabili alla fine della giornata o nel calore del giorno, durante le posizioni statiche. L'impatto della gravidanza, della contraccezione, dei periodi mestruali e di alcune anomalie ormonali non deve essere trascurato.

È ancora più probabile che sia di origine venosa se questi segni migliorano al freddo, in posizione sdraiata (decubito), camminando, con trattamenti erboristici adeguati o con l'uso di un dispositivo medico di compressione (calze compressive).

Fasi più avanzate

- Edema principalmente la sera (fine della giornata), all'inizio regredisce con il riposo, poi progressivamente più frequente o addirittura permanente, e può avere un impatto sul sistema linfatico.

- corona flebectatica (piccole vene a ragno blu delle caviglie)

- dermatite ocra (lesione cutanea brunastra)

- eczema (noto come eczema varicoso)

- dermoipodermatite (aspetto sclerotico e coprente il polpaccio)

- atrofia bianca

- ulcera varicosa

Supporto

Limitare la stasi e l'iperpressione

Regole di vita sana

- limitare il calpestio e le situazioni sedentarie e statiche

- evitare di stare fermi per lunghi periodi di tempo, di stare seduti con le gambe a penzoloni

- si raccomanda di camminare regolarmente

- lotta contro l'eccesso di peso

- evitare il calore prolungato (esposizione diretta, sauna, hammam, bagno caldo, riscaldamento a pavimento, ecc.)

- Alzare il piede del letto da 5 a 7 cm

- evitare sport con forti impatti sul terreno come il tennis, la pallacanestro, lo jogging, la danza

Indossare calze a compressione medica

Purtroppo, solo il 30% dei pazienti che soffrono di insufficienza venosa si conformano a questo trattamento, rendendolo meno efficace di quanto dovrebbe essere in teoria, e spesso mal adattato (materiali non adatti ai pazienti, misure errate, intolleranza della pelle ai componenti).


Proteggere la microcircolazione

Le misure di cui sopra (regole di stile di vita, compressione medica) hanno un impatto sulla protezione dei microvasi, ma non tutto può essere attuato in termini di stile di vita e come abbiamo visto la compressione medica elastica è lontana dall'essere indossata come dovrebbe e questo trattamento è efficace solo se viene osservato regolarmente. 

È quindi essenziale rafforzare la microcircolazione, in particolare utilizzando le piante che sono state riconosciute come efficaci in questo campo fin dalla notte dei tempi e che più recentemente hanno dimostrato la loro efficacia attraverso numerosi studi. 

Grazie alla sua composizione, VEINAVITAL ha un ruolo nel limitare la componente infiammatoria della parete venosa, nel proteggere il tono della parete dei vasi e ha un impatto sulla decongestione dei capillari, agendo così direttamente sulla progressione dell'insufficienza venosa cronica poiché, come abbiamo visto, la sintomatologia è essenzialmente legata all'iperpressione indotta nei microvasi.

Trattamenti specifici

Nel caso di vene varicose di grandi dimensioni, per limitare la stasi che causano, devono essere rimosse sia chirurgicamente (stripping, sonde termiche -LASER o radiofrequenza-) o chimicamente con iniezioni di un prodotto sclerosante (scleroterapia).

prova con veinavital

5 azioni per il tuo benessere venoso

- Gambe leggere

- Partecipa al corretto funzionamento della circolazione venosa e linfatica

- Aiuto al drenaggio 

- Comfort mestruale

Da € 11,90